LIBRI/ Tentativi di scoraggiamento (a darsi alla scrittura) di Erri De Luca

Sia questo il sacro per te: la libera parola scritta, detta, cantata, recitata, in ogni luogo

Più che consigli, mi piacerebbe chiamarli riflessioni sulla scrittura:

“Non spedire opere tue a scrittori. Non si mandano scarpe fatte da sé ai calzolai perché provino a calzarle. Non si spedisce al pasticciere un dolce fatto in casa perché lo assaggi. Diventare scrittori, darselo per compito, definitivo o provvisorio, non passa dal contatto e dalla sponda di un altro scrittore. Quello è vicolo cieco non smistamento.”
[…]
“Non avere capomastri. Puoi ammirare un’altra scrittura, a me è successo con l’argentino Jorge Luis Borges che ha fatto schizzare scintille di senso dall’attrito di un nome con un aggettivo. Ma poi devi scrollartelo di dosso per proseguire a scrivere. Se leggi un libro, fallo da lettore, non da collega dell’autore. Altrimenti può succederti quello che riferisce Robert Walser dopo la sua lettura di Charles Dickens: la disperazione di mettersi a scrivere dopo di lui. Si dispera perché ha letto Dickens da scrittore, sapendo di non poter mai scrivere quelle pagine come ha fatto lui. Ma è logico, Dickens sta nel campo della sua storia in cui eccelle e se ci entri devi essere in visita, da lettore e non da chi si compara all’autore”.
[…]
” Uno scrittore deve piantare almeno un albero. Uno scrittore costa legno, polpa da cui produrre carta. Ogni storia pubblicata ha la prefazione scritta da una motosega. Le pagine sono state foglie. […] Uno scrittore deve rimborsare il mondo con degli alberi. Ho la comodità di abitare in campagna, ho piantato tutti gli alberi del mio terreno. Crrescono e allargano in terra la copertura dei rami. Ho procurato ombra. Questo potrò rispondere di me, questo alla fine dei conti è il miglior fatturato del mio tempo. Ho procurato ombra.”
[…]
“Questa lettera non indica una direzione e non fornisce equipaggiamento. E’ un tentativo di scoraggiamento a darsi alla scrittura. Potrà essere scarica micidiale per l’incerto o cartucce a salve per l’ostinato. E se scoraggia solamente un poco, mi scuso di non poter distogliere di più.”

Erri De Luca – Tentativi di scoraggiamento (a darsi alla scrittura) – Ed. Dante & Descartes – Napoli 2009

Annunci

~ di maria pina ciancio su gennaio 13, 2010.

2 Risposte to “LIBRI/ Tentativi di scoraggiamento (a darsi alla scrittura) di Erri De Luca”

  1. De Luca è ispido, ruvido, quasi arcigno… ma sotto la scroza c’è il succo del vero e spesso racconta le cose da un punto di vista inusitato. È questo che lo rende sempre interessante. Ho amato la proposta dell’albero: una responsabilità da romannziere!

    Ciao Mapi! 🙂

    Mi piace

  2. Ho un grande amore per questo scrittore e molta simpatia. Sa dire quello che sente e pensa come pochi, pochissimi. Grazie Mapi, un abbraccio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: