LIBRI/ Il segreto delle rose canine – Nell’intrigante storia delle baronesse di Carini di Milly Bracciante

Esistono in natura dei luoghi dove si attivano forze misteriose che li riempiono di magici poteri (M. Bracciante)

Ricordo ancora l’emozione mozzafiato che mi colse, allorché negli anni ’70,  poco più che adolescente, vidi per la prima volta lo sceneggiato televisivo in quattro puntate L’amaro caso della Baronessa di Carini diretto da Daniele D’Anza, la stessa emozione provata quando Milly Bracciate qualche settimana fa, mi fece dono del suo ultimo romanzo “Il segreto delle rose canine” (Ed. Prova d’Autore, 2009), sottotitolalo Nell’intrigante storia delle baronesse di Carini. Una libretto dal risvolto misterioso e accattivante con richiami storici e venature di giallo, tutto ambientato nelle terre siciliane di Carini (ad ovest di Palermo) che furono di proprietà del  potente barone La Grua.

Il segreto delle rose canine indaga sui funesti fatti di sangue (conosciuti e non) avvenuti nel castello baronale siciliano nel corso del 1500. Consta di 115 pagine ed ha molti pregi, qui vorrei sottolinearne almeno tre:

a) l’onestà intellettuale che si fonda sulla passione, l’immediatezza del narrato e la meticolosa lucidità dell’esposizione;

b) la ricca e approfondita rappresentazione del territorio siciliano e dell’identità popolare, che non ha nulla di folcloristico o di studiato a tavolino, ma è frutto di una consapevole adesione ai valori delle tradizioni e delle radici;

c) il riconoscimento condiviso dei valori umani, degli affetti e della memoria.

Accanto ai fatti leggendari e storici di Carini, la vicenda attuale di una donna comune (la protagonista) alla ricerca di sè, del proprio passato, che casualmente si imbatte in un’altra verità misteriosa e nascosta, lontana nel tempo e dai risvolti tutti coniugati al femminile (non una vittima, non un fatto di sangue si consumò a Carini, bensì tre, per salvare l’onore dei baroni). Il casuale ritrovamento di un’antica pistola del ‘500 (su cui si riconosce il disegno di una piuma svolazzante) e di una grossa chiave arrugginita muovono l’intreccio, abilmente annodato tra storia, credenze, fantasie popolari e immaginazione. Passato e presente che si confondono e si cedono il posto talvolta.

Infine, nella riappropriazione dei luoghi che le erano stati sottratti dagli uomini e dal destino, nel ritrovamento di sé (e della propria verità interiore), nel disvelamento del mistero -occultato per secoli- e che macchiò di sangue il Castello di Carini, si può leggere  la denuncia e il riscatto femminile dal pregiudizio e da una mentalità  ancora oggi, talvolta, maschile e maschilista fonte di  soprusi, errori ed ingiustizie.

Maria Pina Ciancio

Annunci

~ di maria pina ciancio su dicembre 27, 2009.

7 Risposte to “LIBRI/ Il segreto delle rose canine – Nell’intrigante storia delle baronesse di Carini di Milly Bracciante”

  1. […] Read the original post: LIBRI/ Il segreto delle rose canine – Nell'intrigante storia delle … […]

    Mi piace

  2. Mi hai fatto venir volgia di leggerlo…
    Cari e affettuosi auguri

    Mi piace

  3. uh…L’amaro caso della Baronessa di Carini. Anche a me frulla qualcosa nella testa, un ricordo, forse i titoli dello sceneggiato in tv. Forse i miei lo ricordano e l’hanno pure visto ma io ero troppo piccolo oppure troppo preso da altro per restare alzato a vedere la tv. Ma non c’era anche una canzone o un tormentone su questa Baronessa?
    Buon anno Mapi!

    Mi piace


  4. La ballata popolare illustrata nel cartellone del “Cuntastorie” Giovanni Virgadavola. Il dramma cinquecentesco, tramandato dai cantastorie, cantato da Gigi Proietti, sigla dello sceneggiato televisivo “L’Amaro caso della Baronessa di Carini” in quattro puntate, andato in onda nel 1975 dalla RAI.
    Un abbraccio carissimo a voi con i miei auguri di un felice 2010!
    Mapi

    Mi piace

  5. Bellissimo romanzo dove la scrittrice ha saputo mescolare, con eccezionale perizia, i ricordi di una vita ormai trascorsa che affiorano con struggente tenerezza alla sua memoria, con la nota cronaca (trasmessa anni fa sotto forma di fiction tv) di un tragico fatto di sangue, avvenuto secoli addietro, quello delle baronesse di Carini. Una natura lussureggiante e quasi incontaminata, dai colori intensi e dai profumi inebrianti, fa da cornice a tutto il racconto, dove persone, animali e cose si fondono e interagiscono tra loro in un equilibrio e un’armonia assolutamente perfetti.

    Mi piace

  6. L”autrice non e’ solo incredibilmente abile nell’intrecciare memoria e storia,ma possiede un dono della felicita’ espressiva non comune.Questo racconto apre uno spiraglio sull’intricato e tempestoso mondo di una donna siciliana (non comune affatto nella sensibilita’ ed innata passione)che vede la sua vita ridursi in brandelli e si sovrappone quasi a Laura La Grua ed al suo immane sacrificio.Io non so se l’elemento descrittivo e’ la principale carta vincente(o avvincente) di questa storia,ma certamente,e’una qualita’ unica e propria di Milly Bracciante.

    Mi piace

  7. avevo cinque anni quando quel scenegiato andò in onda..era una domenica uggiosa di novembre è rimasto idelebile il ricordo di quei luoghi..quest’anno andrò finalmente a vedere il castello di Carini!!!!!! vorrei tanto avere anch’io questo libro, si trova facilmente?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: