LIBRI/ Pensieri di Pascal

Questi sono i sentimenti che nascerebbero in un cuore pieno di equilibrio e di giustizia (B. Pascal)

Da una rilettura di questi giorni, un brano illuminante e significativo di Pascal sull’amor proprio:

La natura dell’amor proprio e dell’io umano consiste nell’amare solo sé e nel considerare solo sé. Ma cosa potrà fare? Non saprebbe impedire che l’oggetto che ama sia pieno di difetti e di miseria; vuole essere grande e si vede piccolo; vuole essere felice e si vede miserabile; vuole essere perfetto e si vede pieno d’imperfezioni; vuole essere l’oggetto dell’amore e della stima degli uomini e vede che i suoi difetti gli procurano solo la loro avversione e il loro disprezzo. La confusione in cui si trova produce in lui la più ingiusta e la più criminale passione che sia possibile immaginare; perché concepisce un odio mortale contro questa verità che lo ammonisce e lo convince dei suoi difetti. Desidererebbe annientarla ma, non potendo distruggerla in se stessa, per quanto gli è possibile, la distrugge nella propria conoscenza e in quella degli altri; ciò vuol dire che mette ogni cura nel nascondere i propri difetti agli altri e a se stesso, e che non sopporta che glieli si facciano vedere né che li si veda.
E’ indubbiamente un male essere pieni di difetti; ma il male maggiore è esserne pieni e non volerlo rionoscere; poichè vi si aggiunge anche il male di un’illusione voontaria. Non vogliamo che gli altri ci ingannino; non troviamo giusto che gli altri vogliano essere stimati più di quel che meritano; dunque non è neppure giusto ingannarli e volere che ci stimino di più di quel che  meritiamo.
Così, quando essi scoprono in noi imperfezioni e vizi che effettivamente abbiamo, è chiaro che non ci fanno alcun torto, perchè non ne sono essi la causa, anzi ci fanno un bene perchè ci aiutano a liberarci da un male, che è l’ignoranza di queste imperfezioni.  Non dobbiamo adontarci che ci conoscano e ci disprezzino; perchè è giusto che ci conoscano per quel che siamo e ci disprezzino se siamo disprezzabili.
Questi sono i setimenti che nascerebbero in un cuore pieno di equità e di gustizia. Che cosa dunque dobbiamo dire del nostro cuore, vedendovi una dispsizione del tutto contraria? Non è forse che  odiamo la verità  e o coloro che ce la dicono, e preferiamo che si ingannino a nostro vantaggio, e vogliamo essere stimati diversi da quello che siamo in realtà? […]

da  pensiero n. 100 (L’amor proprio)

Annunci

~ di maria pina ciancio su gennaio 24, 2009.

9 Risposte to “LIBRI/ Pensieri di Pascal”

  1. We like your blogging style, we’re selecting some well made blogs (that only need to be advertised)
    to sponsor for free in our site…
    if you want that we put your blog url in our blog to be advertised by us,
    subscribe the blog and contact us sending a brief description of your site.

    ilinkyoursite staff

    “I link your site”

    Mi piace

  2. è molto interessante anche la biografia di Pascal scritta dalla sorella

    Mi piace

  3. grazie Giuseppe, sto leggendo anch’io, insieme ai Pensieri, la vita di Pascal scritta dalla sorella Gilberte Périer (ho comunciato proprio questa notte) 🙂

    Mi piace

  4. “E’ indubbiamente un male essere pieni di difetti; ma il male maggiore è esserne pieni e non volerlo rionoscere”.
    Più che difficile, è doloroso ammetterlo. Ci vuole fatica, coraggio, forza e profonda onestà. Chi veramente ne è in grado?

    Mi piace

  5. Ciao Mapi… anche se ho cambiato nome (vediamo di aggiornarci!!!) il succo rimane lo stesso!!! 🙂
    un abbraccio. paolo

    Mi piace

  6. ggugg, Paolo, vi leggo qui con tanto piacere. Mapi

    Mi piace

  7. “…gli uomini necessariamente sono soggetti alle passioni: e sono fatti in modo tale da commiserare quelli a cui accade del male e da invidiare quelli a cui capita del bene, e… sono più portati alla vendetta che alla misericordia; ed inoltre… ciascuno pretende che tutti vivano a modo suo, e che approvino ciò che egli stesso approva e rifiutino ciò che egli stesso rifiuta. In tal modo accade che, poiché tutti parimenti desiderano essere primi, entrano in conflitto e fanno tutto quanto è possibile loro per opprimersi a vicenda; e quello che risulta vincitore si gloria di più per il danno arrecato all’altro che per il vantaggio conquistato per sé…”
    dal ‘Trattato Politico’ di Spinoza

    Mi piace

  8. Uno dei peggiori difetti dell’uomo è proprio quello di non voler riconoscere i propri limiti ed il male che alberga dentro di sè… In questo modo non si vigila su se stessi, il rpimo “luogo” dove dovremmo guardare. Un abbraccio, Mapi. Giulia

    Mi piace

  9. Un saluto passeggero Mapi! 🙂 Ma hai ancora un posticino tutto tuo per le foto?
    Filippo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: